Aviatori Veronesi -  Sergente Maggiore  Pilota Antonio Pegoraro

Pegoraro Antonio nacque a Terville/Thioville (Francia) il 23 gennaio 1918, da genitori originari di Zimella (Vr), emigrati in Francia. Abbandonata la Francia per l'ordine di evacuazione della popolazione civile, ordinato il 19 maggio 1940 dalla Gendarmeria Nazionale, la famiglia rientr˛ in Italia, dove Antonio prestava servizio nella Regia Aeronautica con il grado di sergente pilota. Era rientrato in Italia ed incorporato nella Regia Aeronautica nel marzo del 1939. Dapprima assegnato alla 1^ ZAT, dove divenne sergente, fu poi inviato alla Scuola di Pilotaggio di Aquino (Frosinone), 3^ ZAT. Nell'aprile del 1939 fu trasferito alla Scuola di Pilotaggio di Ghedi e nel gennaio del 1940 a quella di Foggia. Il brevetto di pilota lo ottenne con Decreto Ministeriale del 31 gennaio 1940. Il 21 aprile 1940 fu assegnato al 160░ Gruppo Caccia Terrestre di Tirana. Trattenuto alle armi d'autoritÓ nell'ottobre del 1940 pass˛ nel 38* Stormo Bombardamento terrestre di Tirana. L'anno successivo, sempre in ottobre, fu trasferito al 1░ Stormo Caccia, Gruppo Complementare. Nel dicembre dello stesso anno pass˛ alla scuola di pilotaggio di Foligno. Nel gennaio del 1943, sempre con il 1░ Stormo, 81^ Squadriglia era di stanza Pantelleria, poi nel maggio pass˛ a quello di Catania. Il 1 giugno si trasferý con il reparto nell'aeroporto di Udine. Partecip˛ alle operazioni di guerra sul fronte del Mediterraneo del 2 giugno al 27 ottobre 1940, dal 20 aprile al 25 ottobre 1941, dal 10 novembre al 23 dicembre 1941 e dal 12 gennaio 1942 all'8 settembre 1943. Sul fronte greco albanese dal 28 ottobre 1940 al 23 aprile 1941. Proposto per la Medaglia d'Argento al Valor Militare vol˛ su velivoli Macchi Mc.200, 202 e 205. Il 21 gennaio 1943 era a Sfax (Tunisia). Partito su allarme il giorno 28 per contrastare tre formazioni pesanti di aerei nemici da bombardamento scortati da caccia, si scontr˛ con bombardieri tipo Boston e caccia P-38. Mitragli˛ tre velivoli e abbattŔ un P-38. Rientr˛ con il velivolo colpito. Il 6 marzo 1943 vi fu uno scontro nel quale vennero mitragliati due Spitfire. Il giorno successivo protesse, contrastato dalla contraerea, nostre truppe su Medenin. Intercettata una formazione di Spitfire ne mitragli˛ uno. Dal 17 gennaio 1943 al 2 giugno compirÓ, per sole azioni di guerra, ben cinquanta ore di volo. Sbandatosi dopo l'8 settembre, torn˛ a Santo Stefano di Zimella, dove nel dicembre dello stesso anno aderý al movimento partigiano, assumendo il nome di battaglia di "Pipo". Gli venne affidato il comando di un plotone alle dipendenze della 2^ compagnia, 2░ Battaglione del Raggruppamento Leone. Nel maggio 1944, veniva arrestato dalla G.N.R. e tradotto alle carceri di Cologna Veneta e successivamente in quelle di Montorio. Dopo un paio di settimane fu rilasciato e torn˛ ad operare nel territorio. Nel marzo del 1945 pass˛ alla Brigata Scaligera, dove fu promosso comandante del 2░ Battaglione, rimanendo in tale carica fino al 25 aprile, giorno in cui fu ucciso dai tedeschi.

           
           
Immagini
  Pegoraro con Macchi Mc.200 Saetta A spasso per Verona Macchi Mc.202 Folgore 81^ Squadriglia Macchi Mc.202 Folgore 81^ Squadriglia Lapide commemorativa Santo Stefano di Zimella (Vr)
           
Documenti
           
  Pegoraro con Macchi Mc.200 Saetta          
           

 

indietro

avanti

WWW.QUELLIDEL72.IT